Ma questa economia globale è liberista o assistenzialista ?

La statua di Giano Bifronte - Musei VaticaniSu questa contraddizione che accende gli animi degli economisti contribuisce al dibattito un articolo pubblicato su Le Monde Diplomatique di questo mese. In rete potete leggerne uno stralcio in lingua francese.

Riporto una breve citazione Ibrahim Warde, tratta dall’edizione italiana, in cui l’autore si esprime a proposito dei fondi sovrani dei paesi emergenti:

[…] E’ il mondo alla rovescia. Nell’era della globalizzazione, e del “trionfo dei mercati”, ecco che questi fondi volano in soccorso delle maggiori istituzioni finanziarie occidentali.

Pare, a leggere l’articolo, che finora questi fondi abbiano preso delle discrete “sole”, come dicono a Roma: ad esempio, dopo l’acquisto del 10 % del fondo Blackstone da parte dei cinesi l’anno scorso, il fondo pare abbia perso il 60% del valore. E non è l’unico caso.

E’ chiaro che la futura battaglia economica sarà giocata non solo sull’approvvigionamento energetico, ma anche sul valore delle riserve in dollari dei paesi stranieri.

Come è altrettanto chiaro che la governance economica mondiale sembra un Giano bifronte rispetto ai mercati: liberista in tempi di vacche grasse, e assistenzialista quando compaiono quelle magre.