Il cerino in mano

Un fiammifero accesoCon un comunicato dell’altro ieri, la SEC (l’equivalente della CONSOB in America) ha emanato alcune disposizioni a suo dire per contrastare le speculazioni sul mercato azionario.

Tra queste disposizioni ce n’è una che limita le posizioni short (in realtà la limitazione vigerà tra il 21 e il 29 luglio, ma può essere estesa per altri trenta giorni), e per la precisione la pratica di vendere allo scoperto senza avere i titoli in prestito. Per il momento la decisione è limitata a una quindicina di colossi finanziari quotati in America, ma non è escluso che la decisione possa essere estesa a tutta la piazza di Wall Street.

Sulle prime non si può che applaudire  a questa decisione, tesa a limitare le posizioni speculative dei grandi operatori finanziari (ai piccoli, infatti non è comunque dato operare con strategie di naked short selling, per via degli eccessivi rischi).

Ma la domanda è: cui prodest ? A chi giova ? E che conseguenze può avere ?

Supponiamo ad esempio che siano in uscita dei dati catastrofici sull’andamento finanziario di certe società. E supponiamo che alcuni speculatori ne siano al corrente in anticipo (difficile da credere, vero?). Le vendite allo scoperto aumenterebbero la discesa dei titoli in questione, garantendo all’uscita dei dati utili agli speculatori e danneggiando i poveri azionisti. Ma senza posizioni di questo genere (che servono spesso per effettuare ricoperture a scopo difensivo), gli effetti dei cosiddetti rimbalzi, sarebbero attenuati. E i titoli si troverebbero molto più esposti alle discese innecsando proprio quelle dinamiche di panic selling tanto temute dalla SEC.

Intanto, l’effetto delle disposizioni, associato all’impegno di una lotta all’inflazione promesso da Bernanke, ha causato un rimbalzino sui mercati (petrolio, dollaro, mercati). Chi vende adesso, guadagna qualcosina. Ma per quanto tempo? E quanto può essere duraturo un rimbalzo in alcun modo sostenuto da dati fondamentali ?

Ora, supponiamo nuovamente (sempre supposizioni, ma Seymour Hersh ci prende, a volte) che ci sia all’orizzonte anche una qualche azione militare verso l’Iran… prezzo del petrolio alle stelle, etc etc.

Morale: chi resta col cerino in mano ? A qualcuno questo cerino deve pur restare!

Disclaimer: sono tutte opinioni personali, non datemi retta, fate di testa vostra, etc etc

P.S: Domani escono le trimestrali di Citigroup… e secondo me si piglia un’altra botta…

Commenti

  1. gingerino scrive:

    All’apparenza è andata bene, si direbbe… ma io sto a guardare la prossima settimana…